Segni – 3

 

Chi non ha mai avuto una ferita, ride
di chi ne porta i segni
(II. II.).

Così Romeo e Giulietta di Shakespeare.
Subito dopo continua con quanto recitato (pietà, vi prego, per attori e doppiatori) qui nel film.

Detto per inciso, la luna, biancastra e verdastra, che deve sparire è Elisabetta I (con i suoi colori della famiglia Tudor), almeno secondo la tesi di Clare Asquith. Ma questi versi della tragedia riecheggiano altro e costituiscono una formidabile introduzione all’orientamento.

Ma quale luce apre l’ombra, da quel balcone? Ecco l’oriente e Giulietta è il sole… Alzati, dunque, o vivo sole e spegni la luna già fioca, pallida di pena, che ha invidia di te perché sei bella più di lei, tu che la servi… Oh, è la mia donna, è il mio amore! Ma non lo sa! Parla e non dice parola: il suo occhio parla, e a lui risponderò. Ma che folle speranza… (Romeo e Giulietta, II. II).

(continua – 4)

Annunci

Un pensiero su “Segni – 3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...