Paolo e la mezzaluna/2

Alcune brevi considerazioni sull’articolo di Carlo Cibien sul San Paolo riportato qui sotto.

L’articolo è interessante per le sue numerose informazioni, però mi lascia perplesso nell’interpretazione di quella mezzaluna sullo scudo del soldato.

La_conversione_di_Saulo_Odescalchi

Innanzitutto i dipinti di quel periodo che raffigurano brani biblici, anche prima di Lepanto, sono pieni di mezzelune, così come di turbanti e scimitarre: è un modo per indicare un contesto orientale.

Difficile poi, per quanto Caravaggio frequentasse ambienti colti, che il riferimento simbolico si riferisse a testi tratti dal Talmud e non biblici.

Forse rimane un’altra lettura di quella mezzaluna, che provo a proporre con tutta la cautela possibile.

Quel soldato vecchio ha l’aspetto di un rabbino e quella mezzaluna sullo scudo è un crescente montante. In araldica (per il Caravaggio un sistema simbolico sicuramente più abituale rispetto al Beresìt Rabba) il crescente indica negli stemmi il ramo cadetto, ovvero il secondogenito. E Giacobbe, chiamato da Dio Israele, figlio di Isacco e fratello di Esaù, era il secondogenito. Israele infatti è il ramo cadetto.

Israele, come un vecchio soldato, bardato e statico nel proprio armamentario, si arrocca in difesa. L’altro soldato, nudo a terra, di nome Saulo, avrà il nome trasformato in Paolo.

Annunci

Un pensiero su “Paolo e la mezzaluna/2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...