Agostino d’Ippona e Rutger Hauer

Morire (per rinascere a vita nuova). Il dileguarsi di tutti i momenti di una vita passata (ma per essere raccolti in disegni profondi). Le lacrime che si perdono nell’acqua (del fonte battesimale).  Il brano di Sant’Agostino, citato appena qui sotto, scorre come parallelo (ma nel senso opposto) a un altro brano famoso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...